NEW LOOK: IL TAVOLINO DA CAFFÉ

Qualche mese fa ho rifatto il look ad un tavolino da salotto in arte povera che era stato ereditato dalla mia famiglia e mi sono resa conto solo adesso che non te lo avevo ancora mostrato.
Il colore molto scuro, un marrone quasi nero, non si sposava con il resto dell’arredamento. Per molto tempo è rimasto come “poggia tutto” dai miei genitori, poi la primavera scorsa ho pensato che era giunto il momento di trasformarlo, per alleggerirne i tratti.

Non ti nascondo che è stato un lavoro molto lungo.
Per cominciare ho dovuto carteggiare pesantemente la superficie per eliminare il più possibile la vernice protettiva e attenuare il colore scuro. Poi ho passato svariate mani di bianco per creare una buona base per i colori successivi.

Per la parte piana del tavolino ho scelto la tecnica del colorblocking (si quella di cuiparlo in questo post).
Ho scelto colori freschi e vitaminici, un contrasto netto rispetto al colore originale, e li ho richiamati sulla parte verticale e sulle zampe arricchiti da piccole parti in foglia argento.

E questo è il risultato, una trasformazione netta che ha donato un mood elettrizzante e che caratterizza decisamente l’ambiente. Non lo utilizzo come piano d’appoggio selvaggio, bensì come benvenuto per  chi entra a casa.

In questa foto (mi è stato richiesto per un evento serale) puoi vederlo interamente; sulla costola delle zampe si nota il riflesso della foglia argento. Per l’occasione avevo decorato dei vecchi piattini da caffè utilizzando la stessa tecnica e gli stessi colori.

Dimmi, cosa ne pensi? Ti piacerebbe trasformare qualcosa, o addirittura hai già realizzato qualcosa?
Se mi segui ormai conosci come lavoro e sicuramente sai che tengo molto al recupero di arredi che già sono presenti in un ambiente, in modo da utilizzarli magari con una nuova funzione. Questo è un valore molto importante per me e che sta al centro dei miei progetti.

Condividi questo contenuto...
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Chiudi il menu