Prima e dopo: un bagno micro si trasforma

Una stanza da bagno deve essere funzionale e progettata per facilitarne la fruzione, oltretutto se risulta l‘unica in tutta la casa.

Se lo spazio è poco, ma è possibile recuperarlo sottraendolo ai locali adiacenti, come disimpegni o ripostigli, la soluzione è quella dell’intervento che ho realizzato.

Si tratta di un bagno cieco, molto piccolo e privo di un minimo progetto base.

Con il restyling ne ho previsto l’ampliamento perché le dimensioni di partenza erano veramente minime e ne rendevano difficoltoso l’uso.  Per questo motivo ho studiato una nuova posizione per i sanitari per migliorarne la fruibilità.

Ecco come si presentava.

Allo stato attuale i percorsi all’interno del locale sono complessi; per accedere alla doccia, occorre aggirare la porta e lo spazio destinato al lavabo è ridotto.

Qui vedi la nuova distribuzione.

Ho voluto una zona lavabo più spaziosa e un vano doccia più vivibile. L’ingrandimento del locale ha inoltre permesso un miglioramento della fruizione degli spazi.

La palette colori è incentrata sui toni freddi, che si scaldano con il legno naturale degli arredi. Questa scelta si rivela ottimale quando non è presente una illuminazione naturale. Azzurro per le pareti e listoni in gres effetto legno chiaro per il pavimento che insieme agli arredi, scaldano l’ambiente e richiamato dalle piastrelle effetto mosaico della doccia.

Ecco come un piccolo bagno può trasformarsi con pochi lavori. L’ampliamento è stato possibile grazie alla riduzione del disimpegno adiacente  e lo studio degli spazi ha permesso di realizzare un locale più vivibile.

Voglia di ristrutturare il bagno? Oltre a consigliarti qui sul blog, sono pronta ad aiutarti con tutte le tue esigenze di interior design e restyling. Le mie consulenze ti offrono molteplici soluzioni che si adattano al tuo stile e al tuo budget.

Scrivimi per richiedere subito un preventivo gratuito.

Condividi questo contenuto...
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento