LIBERARE SPAZIO PER VIVERE MEGLIO

Ho già affrontato il tema della casa minimalista (leggi questo postdefinendolo anche come mio obiettivo per il 2019, in quanto desidero che la mia casa sia più ordinata e facile da gestire.

Ho letto il libro di Marie Kondo poco dopo l’uscita della prima edizione e subito mi sono resa conto di quanto effettivamente un oggetto può cambiare le cose; tra valere e dare gioia o creare caos e disarmonia. Leggere il libro e successivamente seguire Minimalism su Netflix mi ha fatto riflettere su ciò che realmente faccia la felicità.

La nostre case hanno bisogno di cura e gratitudine in quanto ci proteggono e ci curano, per questo dobbiamo occuparcene trattandole nel migliore dei modi. Uno di questo è fare decluttering. Uno spazio saturo e ingombro, appesantisce la casa, l’energia ristagna ripercuotendosi sulla vita di chi vi abita, lasciando spazio a situazioni di frustrazione e malcontento.

Quante volte ci siamo sentiti ripetere “ho bisogno di contenitori nuovi”, o di “un“armadio più grande” per contenere di più. Poi arriva il momento in cui ti rendi conto che quegli oggetti non li utilizzi da mesi, se non da anni, e non ne hai mai sentito il bisogno. Tutto è legato alle idee bloccanti che limitano il nostro raggio di azione. Eccone alcune:

  • mi potrà servire

  • è costato tanto

  • me lo hanno regalato

  • è un ricordo

  • quando dimagrirò metterò nuovamente quei pantaloni

e quante altre scuse potrebbero allungare questo elenco, perché di scuse si tratta.

Liberare e fare posto nello spazio in cui viviamo ci alleggerisce e ci fa risparmiare soldi e tempo che diversamente destineremmo al riordino e al contenere.

Lasciare andare ciò che è stagnante e ci blocca, nella casa, nel lavoro, nelle conoscenza, crea spazio vitale per il nuovo e migliora nostro stile di vita. Se vuoi avvicinarti a questo stile di vita, ma non sai da dove partire, ti consiglio di leggere Il magico potere del riordino e di vedere Minimalism e se vuoi, ne parliamo insieme. Ti aspetto nei commenti e sui miei canali social.

 

Condividi questo contenuto...
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Chiudi il menu